Visit our archive

usicdominicaLe croate rimontano due set, ma le caraibiche conquistano la terza vittoria consecutiva

FIVB Women’s Volleyball World Championship 2014
Roma – Palalottomatica 25/09/2014 h. 17.00
Croazia – Repubblica Dominicana 2-3 (22-25/13-25/25-22/26-24/17-19)
Croazia: Usic J.S. 13, Grbac 1, Jelic N. (L), Cutuk, Jerkov 16, Milos 8, Popovic 13, Fabris 5, Klaric, Brcic 3, Poljak (K) 18, Usic M. (L). All. Angelo Vercesi (BRA)
Repubblica Dominicana: Valdez 8, Fersola, Castillo (L), Marte 4, Arias 12, Angeles, Rivera 14, Peña, Mambru 25, De La Cruz (K) 15, Binet, Martinez 4. All. Marcos Kwiek (BRA)
Arbitri: Rodriguez S. (ESP) – Simonovic V. (SRB)

La Repubblica Dominicana risolve in proprio favore lo scontro diretto tra le outsider del girone A nel secondo match della terza giornata della prima fase dei Mondiali femminili. Il derby tutto brasiliano delle panchine tra Angelo Vercesi e Marcos Kwiek, entrambi con un passato nello staff verdeoro di Zè Roberto, si decide solo dopo una estenuante lotta al tie-break per il terzo successo consecutivo per la Repubblica Dominicana che sale a quota sette punti nel girone A. La Croatia ha messo in mostra una buona organizzazione di squadra, ma ha trovato la giusta continuità di rendimento solo dal terzo set, mentre le caraibiche hanno fatto leva sulla straordinaria prestazione offensiva di una scatenata Gina Mambru, best scorrer del match con 25 punti, e sulla perfetta gestione della seconda linea dell’onnipresente libero Castillo, sicuramente tra le migliori interpreti del ruolo in questo Mondiale.
Dopo la sconfitta con l’Italia Vercesi ha scelto per la Croazia la diagonale palleggiatrice opposta più giovane schierando Brcic – Fabris, con Senna Usic e Jerkov schiacciatrici, centrali Milos e la capitana Poljak con Jelic libero. Kwiek conferma per la terza partita di seguito la stessa formazione iniziale con Marte in palleggio e Mambru opposta, la capitana De La Cruz e Rivera in posto 4, Arias ed il neoacquisto  di Piacenza Valdez al centro con Castillo libero.
La formazione croata inizialmente sembra poter trovare la quadratura del cerchio mettendo in difficoltà le dominicane che inseguono per tutto il parziale, ma i recuperi difensivi dello straordinario libero Castillo restituiscono entusiasmo alle caraibiche. Diventa così una lotta punto a punto che si risolve in favore di una Repubblica Dominicana in costante crescendo fino al 25-22 firmato da Gina Mambru abile nel variare i colpi d’attacco per eludere il muro croato nelle fasi decisive del parziale.
Le croate subiscono apertamente il contraccolpo e nel secondo set le dominicane ne approfittano: Marte distribuisce al meglio il gioco, la capitana De La Cruz e Valdez salgono in cattedra sottorete e non lasciano scampo alle avversarie che non ottengono l’inversione di tendenza nemmeno con l’inserimento del doppio cambio Grbac – Popovic. Proprio l’invasione della neoentrata palleggiatrice sigilla il crollo croato: 25-13.
Nel terzo parziale la Croazia prova a tornare nel match con uno scatto d’orgoglio e Jerkov firma un’incredibile serie di block-out lanciando la formazione di Vercesi alla conquista del set per 25-22 nonostante un cartellino giallo per proteste a Popovic sul 21-19. Il quarto set è un continuo testa a testa tra le due squadre, ma nel finale le caraibiche si avvantaggiano anche grazie ad un cartellino rosso alla panchina croata che vale il 22-19, ma quando tutto sembra deciso le dominicane non trovano più sbocchi in attacco e Poljak suona la carica per le croate: 26-24 e si va al tie-break.
Nella frazione decisiva le caraibiche partono subito forte, ma una Poljak in trance agonistica riporta sotto la Croazia fino al prolungato rush finale deciso da un contrasto vinto a muro da Rivera per il definitivo 19-17. La Repubblica Dominicana consolida così la sua posizione in classifica con sette punti, mentre la Croazia sale a quota quattro.
Dopo il giorno di riposo le croate torneranno in campo sabato alle 10.30 con la Tunisia, prima dello scontro diretto con la Germania di domenica alle 17.30 che misurerà le ambizioni della formazione di Vercesi. La squadra caraibica affronterà invece in sequenza prima l’Argentina nella partita di sabato pomeriggio alle 17.30, prima di concludere il girone domenica alle 20.00 nel match clou con l’Italia.

nella foto di Fabio Cucchetti per GetSportMedia, una fase di gioco del match

Salvatore Gennuso

Le video interviste del dopo gara

  • Name (Required)

  • Email (Required, but not published)

  • Url (Optional)

  • Comment (Required)