Visit our archive

croatia tifoLe orgogliose nordafricane si aggiudicano il primo storico set al Mondiale, ampio turnover per Vercesi

FIVB Women’s Volleyball World Championship 2014
Roma – Palalottomatica 27/09/2014 h. 10.30
Croazia – Tunisia 3-1 (25-6/21-25/25-16/25-13)
Croazia: Usic J.S., Grbac, Kaleb 8, Cutuk 7, Jerkov 7, Popovic, Fabris 22, Klaric 14, Brcic 3, Alajbeg 12, Poljak (K), Usic M. (L). All. Angelo Vercesi (BRA)
Tunisia: Agrebi Fatma 1, Ghobji, Mami (L), Ghoul 3, Agrebi Rahma 9, Jemaii 11, Lengliz 1, Boughanmi 3, Ben Halima 2, Barhoumi 1, Mnassar (L), Brik (K) 2. All. Mohamed Messelmani

Arbitri: Al Rousi H. (UAE) – Kang J. H. (KOR)

Nella partita d’apertura del weekend conclusivo della prima fase romana dei Mondiali di volley femminile edizione 2014, la Croazia si regala con la Tunisia la seconda vittoria e di conseguenza il passaggio automatico del turno che vedrà la formazione di Vercesi affrontare a Trieste le prime due classificate del girone D e la terza classificata della pool romana. Un primo step positivo per le croate che puntano ad incrementare la propria posizione nel ranking internazionale con un gruppo giovane integrato da atlete più esperte di indubbio valore come la capitale Poljak. Per la Tunisia un bilancio senza vittorie ed un Mondiale che si concluderà al termine del girone capitolino, ma con un primo storico set conquistato nella partita di oggi e senza dubbio un’esperienza importante in un contesto d’élite ed un’occasione per misurarsi con squadre di livello nettamente superiore.
Spinta dall’incitamento delle scolaresche romane che continuano a riempire il Palalottomatica nelle partite della mattina la Croazia opera un turnover massiccio lasciando in tribuna la centrale Milos ed il libero Jelic optando per Fabris opposta in diagonale con la palleggiatrice Brcic, Jerkov confermata in posto 4 con la giovane Klaric, al centro Cutuk e la novità Kaleb con Marija Usic nel ruolo di libero. La Tunisia si presenta in campo confermando Barhoumi in palleggio e dando di nuovo spazio alla capitana Brik da fuorimano, Fatma Agrebi in posto 4 con Ghoul, la coppia Ben Halima – Lengliz al centro con Mami libero.
Il compito delle croate diventa subito agevole con Brcic pronta ad attivare tutti i suoi terminali d’attacco e la Tunisia in notevole difficoltà contro l’esuberanza delle giovani di Vercesi. A poco serve la girandola continua di cambi del tecnico Messelmani che inserisce Jemaii da opposta in diagonale con Ghobji in palleggio, Boughanmi e Rahma Agrebi schiacciatrici e Ben Halima al centro, la Croatia chiude 25-6 con sette punti personali di Jerkov ben coadiuvata da Klaric a segno cinque volte.
Per la prima volta compare in tribuna un gruppo di tifose tunisine con bandiere ed entusiasmo per la nazionale nordafricana che si porta avanti 8-2 nel secondo parziale con tre attacchi vincenti di Rahma Agrebi dopo un avvertimento per ritardo di gioco alla panchina croata che schiera la novità Alajbeg da opposta con Fabris impiegata in posto 4 per Jerkov. Gli esperimenti non ripagano le scelte di Vercesi e la Croazia è costretta ad inseguire per tutto il set una Tunisia ben più solida in seconda linea con l’inserimento del secondo libero Mnassar e più efficace in attacco con l’opposta Jemaii. Storico primo set conquistato dalle tunisine: 25-21 con invasione conclusiva di Klaric.
Nel terzo set le croate schierano ancora la stessa formazione, ma rimettono subito il match nella giusta carreggiata e si aggiudicano la frazione di gioco per 25-16 chiudendo con una fast di Kaleb. Maggior equilibrio all’inizio del quarto set con riverbero d’orgoglio tunisino fino al 9-9, poi definitiva accelerazione croata e chiusura per 25-13 con l’esplosiva Fabris top scorer del match con 22 punti personali.
La Tunisia chiuderà il suo Mondiale 2014 incontrando domenica alle 10.30 l’altro attuale fanalino di coda del girone romano, l’Argentina. Le croate torneranno invece in campo domani alle 17.30 per lo scontro probante con la Germania che misurerà le ambizioni della formazione di Vercesi.

nella foto di Maurizio Ferro per GetSportMedia, i tifosi croati in tribuna

Salvatore Gennuso

Le video interviste del post partita

  • Name (Required)

  • Email (Required, but not published)

  • Url (Optional)

  • Comment (Required)